Dodicimila piante, le fondamenta su cui cresce uno spazio per la città bosco.jpg
Un bosco urbano, un pezzo importante di Mestre. I sette ettari del Bosco di Campalto sono uno dei fiori all’occhiello dell’attività dell’Immobiliare Veneziana come servizi alla città. L’idea di dotare Mestre di un grande bosco periurbano nasce attorno al 1984. Un iter lungo, che porta fino al 2005, quando il nuovo Piano Regolatore Generale prevede 1.200 ettari di bosco.

IVE mette a disposizione un’area di circa 7 ettari, a Campalto, per farne un bosco aperto al pubblico. Il progetto, affidato ad Andreas Kipar, viene realizzato grazie ad un finanziamento della Regione Veneto erogato nell’ambito degli interventi per il disinquinamento della laguna. I soggetti coinvolti, oltre ad IVE, sono il Comune di Venezia,la Municipalità di Favaro Veneto e l’istituzione “Bosco di Mestre”. Il Bosco di Campalto non è un’opera di arredo urbano, ma un vero e proprio pezzo della città, con una importante funzione disinquinante e di rigenerazione ambientale, uno spazio vivo, luogo di aggregazione fra la gente. Esso inoltre assume importanti funzioni turistico-ricreative, come lo svolgimento di attività di ricerca, la pratica di sport e giochi. Sono circa dodicimila le piante messe a dimora, tra arbusti, alberi e specie erbacee: le fondamenta su cui crescerà questo spazio per la città.


boscoloc.jpg