vega3.jpg
Una parte dell'area degli ex Complessi diventerà la sede di VEGA 3, che rappresenta lo sviluppo del Parco Scientifico e Tecnologico di Marghera. L’intera area ex-Complessi è stata acquisita da IVE nel 2001. Nel 2004, IVE ha ceduto parte dell’area alla società Vega srl che, successivamente, nel 2005, l’ha rivenduta alla Immobiliare Complessi srl, società appositamente creata per lo sviluppo del progetto, presieduta da Giancarlo Tomasin. Il progetto di riqualificazione prevede la creazione del complesso VEGA 3 con aree direzionali, aree per la produzione e diffusione mediatica e per attività complementari, il tutto per complessivi 28.800 mq.


Il complesso, grazie all’articolazione di edifici di pregio archeologico-industriale recuperati e di nuove costruzioni, sarà un luogo particolarmente adatto per l’insediamento di prestigiose imprese con particolari esigenze di spazio. Lo stabilimento, fondato nato nel 1927 dalla Società Montecatini per la produzione dei fertilizzanti, è stato chiuso definitivamente nel 1997. Da allora sono stati bonificati e demoliti tutti gli impianti produttivi e vari edifici non più funzionali alla nuova destinazione dell’area.
VEGA 3 sorgerà al centro di un nodo di comunicazione eccezionale, che in poco spazio comprende porto, aeroporto, ferrovia ed autostrada.
Nell’area ex Complessi, sono ancora presenti la palazzina di direzione (realizzata nel 1927), due magazzini con struttura ad arco, realizzati durante gli anni ‘60, originariamente adibiti alla conservazione dei prodotti, ed un magazzino con struttura a travi e pilastri e copertura in capriate (anch’esso realizzato intorno agli anni ‘30). Sono ancora esistenti, inoltre, una decina di sili in calcestruzzo armato (circa 2000 metri cubi ciascuno) ed un grande stoccaggio da oltre 20000 mc.
La rimanente parte dell’area è stata ceduta nel 2007 alla Fincantieri spa, una delle più importanti aziende navali del mondo, per consentire lo sviluppo delle attività cantieristiche nell’area di Porto Marghera.